Cagliari, la favola di Dessena: doppietta al ritorno da titolare. 338 giorni dopo la rottura di tibia e perone

Cagliari, la favola di Dessena: doppietta al ritorno da titolare. 338 giorni dopo la rottura di tibia e perone

“È stato un anno lunghissimo, ero come un bambino che piangeva. Ringrazio il presidente, il mister, i miei compagni e tutti i tifosi che mi sono stati vicini in questo periodo difficile, aiutandomi ad asciugare le lacrime”. 338 giorni: tanto è passato per rivedere Daniele Dessena titolare con la maglia del Cagliari. Lo scorso anno contro il Brescia al Rigamonti si era fratturato tibia e perone a causa di un intervento killer di Coly. Mesi vissuti in infermeria, ma sempre al fianco della squadra. Da capitano non giocatore aveva festeggiato la promozione in A, salvo per i minuti di recupero contro la Salernitana. Ultima giornata della Serie B 2015/16, con Rastelli a regalare al numero quattro la standing ovation della tifoseria. Questa sera il ritorno in campo dal primo minuto al Sant’Elia: il capitano rossoblù per l’occasione ha sfoderato una prestazione da urlo, con tanto di doppietta decisiva per la vittoria dei sardi contro il Palermo. Era dal 2009 che Daniele non segnava una doppietta in Serie A: all’epoca indossava la maglia del Parma. Vittima allora la Samp, oggi il Palermo. Il club rosanero  porta bene a Dessena: contro i siciliani aveva giocato, infatti, l’ultima gara nella massima serie nel 2014. Un ritorno fondamentale in casa cagliaritana: dopo i 40 minuti contro la Lazio di mercoledì Rastelli l’ha lanciato titolare dal primo minuto, sacrificando in panchina Isla. Come in una favola è arrivato il lieto fine. Una doppietta servita a cancellare un anno di sofferenze. Le lacrime per l’infortunio sono solo un amaro ricordo: Dessena è tornato a sfrecciare sulla fascia per trascinare il Cagliari alla salvezza.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy