Ricordate Manzo l’ex Milan? Sta facendo meglio di Zeman a Lugano. Una carriera in saliscendi

Ricordate Manzo l’ex Milan? Sta facendo meglio di Zeman a Lugano. Una carriera in saliscendi

Andrea Manzo sembra finalmente aver trovato la stabilità che cercava a Lugano. Il tecnico veneziano, dopo essere stato nominato allenatore ad interim della prima squadra (dopo la rinuncia di Zeman), è riuscito in estate a guadagnarsi la conferma in quel ruolo e in questa stagione ha già ottenuto 14 punti in 10 partite, stabilizzandosi per il momento con il suo Lugano a metà classifica.

Manzo ha avuto una carriera da calciatore di discreto livello, riuscendo a militare per diversi anni nelle rose di Milan e Fiorentina e ottenendo anche due promozioni in A con le maglie di Sampdoria e Udinese. Maturata una certa esperienza da allenatore nelle serie minori, Manzo è stato chiamato nella sua città natale nel 2003 per guidare la Primavera e due anni dopo gli è stata concessa la possibilità di allenare la prima squadra in un periodo molto difficile per la società, vicina al fallimento, non riuscendo tuttavia a evitare la retrocessione in C2. Negli anni seguenti è stato allenatore del Portogruaro prima e della Primavera del Parma poi, riuscendo anche a sedersi, anche se per una sola giornata, sulla panchina della prima squadra, dopo l’esonero di Cuper, ma non potendo evitare neppure in questa occasione un’altra retrocessione. Dopo la brevissima esperienza al Chioggia, nel 2010 si è unito al Lugano, dove per due anni ha svolto il ruolo di vice allenatore. Dopo aver guidato l’Under 21 della società svizzera, è stato scelto a giugno come allenatore della prima squadra per riempire il vuoto lasciato dalla partenza di Zeman. Confermato in tale ruolo, Manzo sta ottenendo buoni risultati con i suoi ragazzi in questa stagione e, ora che è riuscito finalmente a trovare la giusta stabilità, potrebbe rilanciare la propria carriera proprio dalla piccola città Svizzera.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy