Asta internazionale per Dahoud: anche Juve e Milan in lizza. Quando poteva essere bianconero per soli 230mila euro

Asta internazionale per Dahoud: anche Juve e Milan in lizza. Quando poteva essere bianconero per soli 230mila euro

Tutti pazzi per Mahmoud Dahoud. Il gioiello del Borussia Monchenglabach è in scadenza nel 2018 e in estate cambierà maglia. Paratici è un grande estimatore del centrocampista siriano, ma l’offerta di 12 milioni per il suo cartellino (e 2 a stagione per il classe ’96) della Juventus è stata respinta dalla dirigenza del ‘Glabach che l’ha promesso al Borussia Dortmund, pronto a versare 15 milioni più bonus per accaparrarselo. E pensare che nel 2013 i bianconeri potevano tesserarlo per appena 230mila euro (parametro FIFA). Dahoud si era messo in luce nel Torneo delle Regioni di Duisburg, stregando gli scout di mezza Europa tra cui quelli dei campioni d’Italia.  Cosi nel mese di febbraio Dahoud e la sua famiglia erano stati a Torino e avevano visitato il centro sportivo di Vinovo, dove il giovane Mahmoud incontró anche l’idolo Arturo Vidal. Ma all’ultimo l’affare sfumò. E chissà quanti rimpianti a distanza di 4 anni. Club italiani sempre vigili sull’astro nascente di Amûdè. Il Milan targato Fassone-Mirabelli ha provato l’inserimento, incontrando il ragazzo e la famiglia nelle scorse settimane a Düsseldorf dove Dahoud vive ancora con i genitori e i suoi fratelli, ma il rallentamento nelle trattative societarie ha stoppato l’assalto al talento naturalizzato tedesco e già pilastro della nazionale di Loew. Nella ultime ore, però, c’è stato un pesante rilancio del Liverpool. Klopp è pronto a fare follie pur di portarlo in Premier e ha messo sul piatto un quinquennale da oltre 4,5 milioni netti a stagione per il calciatore. Basteranno a rompere la promessa di matrimonio fatta dal ‘Glabach al Dortmund?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy