Boateng: “Ho pensato di lasciare il calcio, non avevo più voglia di allenarmi. Spendevo i soldi in vestiti e discoteche. Con Allegri non parlavamo la stessa lingua…”

Boateng: “Ho pensato di lasciare il calcio, non avevo più voglia di allenarmi. Spendevo i soldi in vestiti e discoteche. Con Allegri non parlavamo la stessa lingua…”

Lunga intervista rilasciata da Kevin Prince Boateng ai colleghi di “El Pais”. Il calciatore del Las Palmas ha parlato anche della sua esperienza italiana al Milan, non lesinando una frecciatina all’ex tecnico Massimiliano Allegri: “Fuori dal campo non parlavamo la stessa lingua, però con lui si lavora per vincere”. Il Boa in estate era rimasto senza squadra dopo che il contratto con il Milan era scaduto e in tal senso il ghanese rivela di aver anche pensato di appendere gli scarpini al chiodo: “Ho pensato anche di lasciare il calcio. Avevo perso l’amore per questo gioco, vedevo gli altri solo come persone con un numero sulla schiena. Non avevo più voglia di allenarmi, ora però sono qui al Las Palmas e sono di nuovo felice”. Già in Inghilterra la sua carriera poteva essere in bilico: “Spendevo tutti i soldi in stupidaggini come auto, vestiti e discoteche. Ho passato un anno così, poi mi sono guardato allo specchio e ho iniziato a comportarmi come un giocatore professionista, mangiando bene e concentrandomi solo sul calcio”. Infine una battuta su Silvio Berlusconi: “Gli devo tanto. Mi ha aiutato molto negli anni in cui sono stato al Milan e lo porto nel cuore. A me, Balotelli e El Shaarawy ci diceva sempre di tagliarci i capelli. Mi diceva anche di togliermi gli orecchini che sono per le donne”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy