Copa Libertadores, si entra nel vivo: ecco i giocatori più interessanti da tenere d’occhio

Copa Libertadores, si entra nel vivo: ecco i giocatori più interessanti da tenere d’occhio

Il 19 Settembre al via i Quarti di Finale

di Alex Pinna

La Copa Libertadores è la competizione che più di ogni altra è in grado di esaltare agli occhi del mondo la tradizione, il fascino e il folklore del calcio sudamericano. E non di meno, è anche il palcoscenico che storicamente ha visto nascere tutti i maggiori talenti del continente latino: motivo per cui ogni anno gli occhi non solo del grande pubblico, ma anche ( e soprattutto ) dei talent scout delle principali accademie calcistiche europee sono rivolti verso questo leggendario torneo a caccia di importanti affari.

Tante le big ad arrivare in fondo quest’anno, tanti i  talenti che hanno messo in mostra colpi e qualità degne di nota. Boca Juniors, River Plate, Indipendiente e Palmeiras sono solo alcune delle “fazioni” pronte a contendersi il trofeo più ambito delle americhe, guidate dai loro gioiellini più pregiati.

Il River Plate, nonostante le tante cessioni importanti delle ultime stagioni, sta costruendo un cammino importante nella competizione. Trascinatore assoluto Gonzalo “Piti” Martinez, il fantasista n°10 di casa milionarios. Classe 1993, esalta la squadra grazie ad una straordinaria visione di gioco e ad una tecnica superiore. Nasce come trequartista, ma riesce ad imporsi in tutte le zone del reparto offensivo. Cerca di prendere l’esempio da lui il giovane classe 1998 Exequiel Palacios, la sorpresa più piacevole in quest’anno per il River. Centrocampista tuttofare, in pochi mesi si è guadagnato stime importanti da parte del mister Marcelo Gallardo.

Momento positivo anche per gli storici rivali del Boca Juniors, guidati dalla loro punta di diamante Cristian Pavòn. Non sembra aver accusato la pressione e la delusione mondiale con l’Argentina: contro il Libertad prestazioni di ottimo livello sia all’andata, sia al ritorno, in cui ha messo la firma anche con il gol. Crescita notevole nelle ultime uscite anche per il centrocampista classe 1995 Nahitan Nandez e per il compagno di reparto Wilmar Barrios, di cui in Sudamerica se ne sta parlando come il “nuovo Casemiro”. Sempre in Argentina, occhio in casa Indipendiente dove la crescita importante del terzino destro classe 1996 Fabricio Bustos starebbe suscitando parecchio interesse in diversi club europei.

Tengono alta la bandiera del Brasile tre dei club più blasonati della nazione verdeoro, Gremio, Palmeiras e Cruzeiro. In casa Gremio, campione in carica della Libertadores, attenzione a Everton ( classe 1996 ) e soprattutto a Luan ( classe 1993 ), che sta confermando lo stesso devastante rendimento dell’anno scorso. Il Palmeiras ha trovato in Miguel Borja ( classe 1993 ) il suo uomo più importante: dopo aver trascinato l’Atletico Nacional alla vittoria della Libertadores 2016, vuole ripetersi anche quest’anno col club brasiliano. Per l’attaccante colombiano, maggiore candidato alla vittoria nel titolo cannonieri, sono 8 gol in 8 partite, a conferma di un feeling molto speciale con il torneo.

Menzione speciale anche per Lucas Paquetà: nonostante l’eliminazione precoce del suo Flamengo, il trequartista classe 1997 rientra tra i nomi più interessanti di tutto il panorama sudamericano. Classe e personalità, eleganza e qualità palla al piede, il giovane cresciuto sin dalla giovanili in maglia rossonera si è imposto in poco tempo tra gli uomini chiave del club brasiliano, nonostante una notevole concorrenza. Secondo la stampa inglese, il Liverpool di Jurgen Klopp sarebbe molto vicino al ragazzo.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy