Dalla Germania, Kiessling e il suo segreto al Leverkusen: “Mia moglie faceva dei test al mio posto”

Dalla Germania, Kiessling e il suo segreto al Leverkusen: “Mia moglie faceva dei test al mio posto”

L’attaccante tedesco ha confessato di aver fatto svolgere dei test fisici alla moglie quando ai tempi del Bayer

di Marco Garghentino, @marcogarghe

In 12 anni di Bayer Leverkusen è diventato l’idolo incontrastato dei tifosi e il cardine della squadra tedesca per più di un decennio. 162 gol spalmati in 444 presenze con le Aspirine, questo il bottino accumulato da Stefan Kiessling, attaccante classe ’84 che dopo aver indossato la maglia del Norimberga nei primi anni di carriera, ha legato il proprio nome al Leverkusen fino alla scorsa stagione, quando ha dato l’addio al club.

Intervistato da “Sport Bild”, l’attaccante teutonico ha però rivelato un piccolo segreto che in tutti questi anni di attività è sempre riuscito a nascondere:

“Non ho mai svolto il 100% degli esercizi che ci venivano dati durante i mesi di preparazione. Mai”, ha raccontato il tedesco.

“Mi davano un orologio che misurava la frequenza cardiaca e che doveva memorizzare l’intero esercizio. Visto che mia moglie era molto atletica a volte sfruttavo lei, facendola correre al mio posto con le indicazioni che le davo”.

Un piccolo trucchetto che nessuno all’interno del Bayer Leverkusen è mai riuscito a scoprire, come ha ammesso lo stesso Kiessling: “Era talmente brava che nessuno si è mai accorto di nulla”.

Una storia curiosa, che ha fatto sorridere i tanti tifosi del giocatore. Nonostante sia riuscito a scansare un po’ di lavoro fisico infatti nessuno si è mai permesso di criticare Kiessling, visti i numeri che è riuscito a collezionare in carriera con la maglia del Leverkusen.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy