Marco Rose, il più giovane delle semifinali. Ecco l’allenatore del Salisburgo “ammazza italiane”

Marco Rose, il più giovane delle semifinali. Ecco l’allenatore del Salisburgo “ammazza italiane”

L’ex giocatore diventato grande da allenatore

di Oscar Maresca

Giovane fra i giovani. Quando c’è il talento, l’età conta poco. Spot perfetto per Marco Rose, classe ’76, allenatore del Salisburgo fresco di accesso alle semifinale di Europa League dove affronterà il Marsiglia. Il tecnico del club austriaco è il più giovane fra i colleghi ancora in corsa nelle due competizioni europee. Ieri ha eliminato la Lazio vincendo per 4-1 in casa e ribaltando lo svantaggio di 4-2 della gara d’andata. Rose è riuscito a trovare la quadra perfetta in una squadra di giovani talentuosi: in Europa ha conquistato il primo posto nel girone, superando poi nell’ordine Real Sociedad, Borussia Dortmund (fra le favorite per la vittoria e ‘killer’ dell’Atalanta) e la truppa di Inzaghi. Successi e soddisfazioni per l’allenatore tedesco, di origini italiane, al primo anno fra i professionisti: l’accesso in Champions sfiorato la scorsa estate al terzo turno di qualificazione, ora il Salisburgo di Rose punta la finale di Europa League. E inoltre si appresta a vincere il campionato austriaco e lotta per la coppa nazionale.

DAI DILETTANTI ALLA VERA EUROPA C’è un dato che evidenzia in modo chiaro e netto quanto sia cristallino il talento da allenatore di Marco Rose: nei cinque anni da tecnico al Salisburgo (con U-16, U-18, U-19 e i professionisti) ha fatto più di 140 partite e ne ha perse solo 9. Idee e applicazione, per uno come Rose che da giocatore non è riuscito a sfondare ma che da allenatore sta catalizzando su di sé i riflettori di tutta Europa. Ex terzino sinistro, in passato ha vestito le maglie di Lipsia, Hannover e Mainz. In quest’ultimo club ha iniziato la sua avventura da allenatore-giocatore, a 31 anni, nella squadra B che milita nella quarta divisione tedesca. Nel 2012 scende in quinta divisione sulla panchina del Lokomotive Lipsia, suo club ai tempi delle giovanili da giocatore, e che porta alla promozione in Regionalliga nel primo anno da tecnico. Viene poi notato dai dirigenti del Salisburgo, che gli affidano la guida delle giovanili. Rose parte dall’Under 16 e in quattro anni arriva fino all’Under 19, con cui conquista l’Uefa Youth League 2016-2017. Dallo scorso luglio sostituisce Oscar Garcia sulla panchina della prima squadra, pronto a conquistare i primissimi trofei da allenatore fra i professionisti. L’obiettivo Europa Leauge è concreto, così come lo scudetto austriaco e la coppa nazionale. Rose ci crede e in Europa tutti parlano del suo Salisburgo. Squadra giovane – età media sotto i 24 anni – come il suo allenatore. Quando per stupire e (con)vincere, l’età conta davvero poco.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy