Tentativo di combine in Svizzera. Il Chiasso degli italiani dice no e fa denuncia

Tentativo di combine in Svizzera. Il Chiasso degli italiani dice no e fa denuncia

Bel gesto da parte dei tesserati della formazione del Canton Ticino

di Nicolo Schira, @NicoSchira

C’è chi dice no. Perché la dignità non ha prezzo. È il caso del Chiasso, sesto in classifica nella Serie B svizzera e che – nonostante una classifica apparentemente senza più obiettivi – nelle scorse ore ha deciso di denunciare un tentativo di combine. Nella giornata di lunedì, infatti, i tesserati della formazione rossoblu sono stati avvicinati da un ex calciatore svizzero che attualmente ricopre il ruolo di procuratore per alterare il risultato della sfida di domenica contro il Wil fanalino di coda. Un tentativo di corruzione legato probabilmente alle scommesse che però non ha attecchito nè nei calciatori del Chiasso (dove militano due italiani: il portiere Francesco Russo e il centrale Orlando Urbano) nè nella dirigenza del club, capitanata dal direttore sportivo Aldo Preite e dal direttore generale, ex Genoa e Pavia, Nicola Bignotti che prontamente hanno denunciato il fatto alle autorità competenti. Una lezione di onestà e sportività proveniente dalla vicina Svizzera ma dai connotati decisamente italiani. Per un calcio più pulito quello del Chiasso non può che essere un esempio. Chapeau.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. mvenie_836 - 3 mesi fa

    Wil, non Wii.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy