Joao Mario e Gabigol: serve l’ok Uefa. Inter, lotta contro il tempo per un compromesso

Joao Mario e Gabigol: serve l’ok Uefa. Inter, lotta contro il tempo per un compromesso

3 commenti

L’abbraccio a Gabigol e Joao Mario riempie di entusiasmo il mondo Inter. Anche l’assalto a Witsel a parametro zero è la prova che Suning vuole investire tanto e dare concretezza alle ambizioni di tutto l’ambiente nerazzurro. Ma in queste ore di febbrile lavoro il d.s. Piero Ausilio e tutto lo staff sono alle prese con una questione formale di non poco conto: l’approvazione dell’Uefa. L’Inter deve trovare il modo per giustificare questi investimenti (intorno ai 70 milioni di euro), a fronte di un impegno con il board del Fair-Play Finanziario che prevede addirittura un avanzo di bilancio a conclusione della stagione 2016-17. Com’è noto la società di Thohir deve rientrare del rosso maturato nell’ultimo triennio e per questo ha preso degli impegni solenni.
Il nodo è intricato perché in questa fase a Zurigo c’è un clima di attesa, in vista delle prossime elezioni che indicheranno l’erede della gestione Platini. Ecco perché le idee di puntare su una sponsorizzazione cinese che porti ad aumentare i ricavi in maniera ingente deve fare i conti con le osservazioni dei rappresentanti dell’organismo internazionale.
Al lavoro ci sono diplomazie, visto che la vicenda Inter ha delle ricadute non solo sulle rivali in campo italiano, ma soprattutto in ambito europeo. Ad ogni modo si intravede un cambio di marcia nella gestione di un piano di razionalizzazione dei costi che in questi anni ha mostrato delle evidenti contraddizioni. Ma come gestire questa fase di transizione? L’attivismo dell’Inter evidentemente crea degli imbarazzi. Una conto è salvaguardare i conti dei club, un altro è imporre dei paletti a delle realtà in piena espansione. Il caso dell’Inter è emblematico: ha appena cambiato pelle e ha evidentemente le risorse per puntare in alto. In fretta. A cinque giorni dalla chiusura del mercato queste domande sono davvero pressanti. La logica dice che alla fine l’Inter punterà a mettere in rosa subito Joao Mario e tesserare Gabigol a gennaio. Può essere un buon compromesso in vista della stesura delle liste per l’Europa League. Anche se il tesseramento in Italia non è in discussione, la questione di fondo resta aperta.

3 commenti

3 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. lacerta0_127 - 11 mesi fa

    Santo cielo, io quando leggo questi articoli mi incavolo. Vendendo icardi ci libereremmo di un peso morto e avremmo i conti a posto, e invece i soliti incompetenti continuano a dichiararlo incedibile. SVEGLIAAA!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rossonero - 11 mesi fa

    Si ma prendere Joao Mario e Gabigol (ma il nome dove l’hanno preso sulle figurine?)per farli giocare solo in Italia a che serve?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. chicco6_102 - 11 mesi fa

    Forse non avete capito che per far giocare in Italia Joao Mario e Gabigol non serve alcun accordo con l’Uefa.
    Il FPF ha valore solo in Europa. Paradossalmente l’Inter potrebbe permettersi Messi se lo facesse giocare solo in Serie A. Ditele queste cose. Suvvia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy