Juve contro l’Inter cinese. Da Berardi a Gabriel Jesus: la sfida è totale

Juve contro l’Inter cinese. Da Berardi a Gabriel Jesus: la sfida è totale

4 commenti

Il guanto di sfida è stato lanciato. L’a.d. della Juve fa appello alla serietà di Squinzi e Carnevali ed esclude che Domenico Berardi vada all’Inter. Ma la replica dell’agente dell’attaccante al Sassuolo non è meno netta, visto che sottolinea l’importanza della proposta interista e indica nella scelta del suo assistito la chiave della vicenda. Staremo a vedere se riuscirà l’assalto nerazzurro al mancino calabrese. Lo scopriremo in pochi giorni perché il d.t. Ausilio non perde di vista l’alternativa-Candreva se si rendesse conto che davvero non c’è niente da fare per  Berardi.

Ma questa vicenda dovrà essere comunque tenuta a mente. E’ il primo segnale di un cambio di rotta sostanziale. La super-potenza del calcio italiano in questi anni, di fatto, non ha mai avuto rivali, contando acnhe sulla debolezza economica delle concorrenti. Invece con l’approdo della galassia Suning in corso Vittorio Emanuele la potenza di fuoco è senza precedenti. E’ vero che ora i cinesi devono fare i conti con i paletti del Fair play fiananziario ed un investimento verde da 25 milioni lo hanno messo in preventivo. E la mossa su Berardi non ha solo una valenza tecnica. Qui i nerazzurri provano a scalfire la compatezza dell’asse Juve-Sassuolo, mettendo in discussione le attuali gerarchie del mercato italiano. E non finisce qui.

Prendiamo il caso del talento brasiliano Gabriel Jesus. Se i nerazzurri vanno a segno per Berardi può essere che si disimpegnino per l’attaccante dell’Olimpica verde-oro. In caso contrario c’è da star certi che faranno di tutto per sbarrare la strada ai bianconeri per quello che molti definiscono il nuovo Neymar. E’ solo un esempio: la prova che la musica sta cambiando.

 

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. dsg.cap_789 - 7 mesi fa

    la juve è una delle poche società in italia che può comprare subito,quando vuole, senza tanti tentennamenti,anche questa storia è solo fumo perchè anche se nel caso l’inter voglia il giocatore deve prima trattare con il sassuolo e poi con i torinesi visto che esiste un’opzione d’acquisto che non sono chiacchiere al vento,qui sembra che la juve non abbia 25 milioni da spendere per berardi e che l’inter gli soffi il giocatore invece mi sembra che l’inter spenda tutto lo spendibile per berardi ma se dovessero alzare l’asticella l’inter dove prende i soldi???? i cinesi devono sanare un buco mostruoso altro che berardi se non vendono voglio vedere come rientrano del FPF

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rotapo5_56 - 7 mesi fa

    la Juve ormai qualunque giocatore vuole( sono gli unici in Italia che possono spendere), quindi bloccano chiunque, Marotta decide se Berardi si muove , Gabriel Jesus , Cavani, Andre’ Gomes, Mascherano sono gia’ loro, Morata non torna al Real, perche’ il diritto di recompra , se vogliono, non esiste…..sono ritornati peggio di prima….Moggi a questi gli faceva un baffo !!!!!!!! A proposito non sento piu’ Agnelli parlare dei 500 milioni di danni dalla federazione….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. fabrizio_404 - 7 mesi fa

    Ausilio, qua fra noi, Gabriel Jesus é ben piú bravo di Berardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. red90__441 - 7 mesi fa

    Capisco che sia difficile fare 3 articoli al giorno senza aver nulla da dire, ma reinventare la storia mi pare troppo… “La super-potenza del calcio italiano in questi anni, di fatto, non ha mai avuto rivali, contando anche sulla debolezza economica delle concorrenti”. Falso! 2013: la Juve insegue Higuaín, il quale però finisce al Napoli anche grazie ai 64mln ricavati dalla cessione di Cavani; così Marotta deve accontentarsi di spendere solo 15 mln per Tevez. 2014: la Juve insegue Iturbe, il quale però finisce alla Roma diventando il secondo acquisto più costoso nella storia dei giallorossi. 2015: la Juve cerca un trequartista e insegue Jovetić, il quale però finisce all’Inter perché i bianconeri non vogliono impegnare soldi con l’obbligo di riscatto. Tre estati, tre “assalti” operati da rivali italiane, tre stagioni vittoriose. Le super-potenze vincono sul campo, non sui giornali.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy