Juve, quanti cambi in un anno. Ora serve un Gomes oltre ai rinforzi in attacco

Juve, quanti cambi in un anno. Ora serve un Gomes oltre ai rinforzi in attacco

Un anno fa la Juve salutava Pirlo, Tevez e Vidal, lasciando il mondo bianconero tra (apparenti) mille incertezze. In dodici mesi il campo ha dato i suoi verdetti, promuovendo le scelte societarie. Ma ora la storia si ripete: dopo l’addio a Morata, ora anche l’incedibilità di Bonucci è a forte rischio. E per Pogba…
Insomma è un’altra estate calda, A dispetto delle grandi ambizioni di un club che negli ultimi anni è cresciuto come pochi in Europa. I fatti dicono che Agnelli sinora ha sempre sostituito al meglio i partenti. Anche le ultime mosse di Marotta e Paratici dimostrano che il mercato sta portando grandi cambiamenti, ma anche nuovi talenti di sicura qualità. Pjanic è una certezza, come l’esperto Dani Alves. Ed ora i fari puntati su Sanchez, Cuadrado e Pjaca dimostrano che i campioni d’Italia fanno conto su questo rimescolamento di carte per rendere ancor più completa la rosa di Allegri sul fronte offensivo. È presto, però, per trarre conclusioni. La Juve in questo momento è un cantiere aperto. La qualità dei nuovi arrivi, dipenderà dalle effettive partenze. In difesa, ad esempio, Benatia è ormai ad un passo, mentre Rugani acquisisce sempre più sicurezza. Il vero nodo è a centrocampo: anche con la conferma di Pogba, infatti, servirebbe un altro puntello. In attesa del rientro di Marchisio, il tecnico bianconero ha bisogno di un altro giocatore di personalità in mezzo al campo. L’inseguimento ad André Gomes è stato rallentato dai problemi interni al Valencia, oltre che dalle richieste esagerate del club spagnolo. Se non sarà il portoghese, occorrerà individuare un altro obiettivo al top per questo ruolo. Pazienza, stavolta è possibile che la partita si decida nei minuti finali.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy