Angulo va al Granada. E ora l’Independiente del Valle può finanziare il nuovo stadio

Angulo va al Granada. E ora l’Independiente del Valle può finanziare il nuovo stadio

Dalla cavalcata in Copa Libertadores, sfumata di un soffio soltanto in finale contro il Nacional, al progetto del nuovo stadio. Tutto in una stagione. All’Independiente del Valle è bastata un’annata perfetta per trasformare Sangolquí, una cittadina situata a più di 2.500 metri sopra il livello del mare e con meno di 80mila abitanti nel cuore dell’Ecuador, in un crocevia del calcio sudamericano. Anche perché, in quest’annata straordinaria, hanno iniziato a brillare per poi esplodere le due stelline José Angulo, attaccante classe 1995, e Bryan Cabezas, esterno offensivo del 1997. I due talenti ecuadoriani hanno impressionato proprio in Libertadores, attirando l’interesse di diversi club europei. Per Cabezas, dopo un serrato duello con Chievo e Gremio, l’ha spuntata l’Atalanta: nelle casse del club di Franklin Tello Ñuñez sono andati 1,8 milioni di euro per il 70% del cartellino del 19enne, oltre al diritto sul 20% dell’incasso derivante da un’eventuale cessione da parte dei bergamaschi. Su Angulo, invece, si erano posati gli occhi anche dell’Atletico Madrid, oltreché del Napoli e del Palermo. Alla fine l’attaccante ecuadoriano è andato al Granada del nuovo proprietario cinese Jiang Lizhang, dopo la cessione da parte della famiglia Pozzo. Il club spagnolo ha versato ben 9 milioni di euro all’Independiente del Valle per ingaggiare il 21enne, per il quale è stata già fissata anche una clausola rescissoria da ben 30 milioni. Un Granada che ha ingaggiato anche un altro giovane molto interessante: Ezequiel Poce, punta classe 1997, arrivata in prestito gratuito dalla Roma. Grazie alle cessioni dei due gioielli e ad altre operazioni, tutte favorite dall’incredibile stagione di Libertadores, l’Independiente del Valle ha incassato una cifra vicina ai 15 milioni di euro. Proprio quelli che servivano al presidente Ñuñez per avviare il progetto del nuovo stadio, che inizialmente potrà ospitare 15mila spettatori, prevedendo già la possibilità di allargare la capienza a 25mila posti. Per gettare le basi di un futuro splendente, dopo una stagione che potrebbe aver segnato per sempre la storia dell’Independiente del Valle e di Sangolquí.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy