Il Borussia scopre la stellina Larsen. Gol, sfacciataggine e il modello Reus

Il Borussia scopre la stellina Larsen. Gol, sfacciataggine e il modello Reus

di Giovanni Benvenuto, @giovibenvenuto

Dribbling velenoso, tagli da manuale, scatto e tocco vellutato. No, non stiamo di campione affermato con tanti trofei in bacheca, bensì della nuova scoperta targata BVB: Bruun Larsen. L’enfant prodige dei gialloneri ha siglato ieri all’esordio la prima rete in Champions rivelandosi nella manica nell’armamentario tattico di Favre. Il suo “tutor” è Marco Reus, guarda caso ala come lui e campione già affermato nel panorama calcistico mondiale, quel campione che Larsen spera di emulare percorrendo le sue orme.

IL PERSONAGGIO – Classe ‘98, il BVB se l’aggiudica per la modica cifra di 250.000 euro bruciando la concorrenza di Liverpool e PSV, club con un palato finissimo per i giovani talenti. Appena arrivato in Germania si è subito adattato ai ritmi e ai metodi di Lucien Favre senza disprezzare alcune giocate da circo nel corso degli allenamenti. Virale il video in cui prova a segnare da tutte le posizioni del campo, persino da dietro la porta quasi a voler dimostrare tutta la sua sfacciataggine e il suo talento ai suoi compagni di squadra con quella spensieratezza di un ragazzino mai svanita e che lo contraddistingue, lasciandosi andare anche a delle risate contagiose. Il centro di ieri sera contro il Monaco lascia ben sperare con Favre che se lo coccola in vista delle gare future data la sua duttilità e predisposizione in fase offensiva. L’Europa ha già scoperto il suo nome, anche la Bundesliga. Adesso Larsen si gode il suo momento somigliante ad una vera e propria favola danese, proprio come la sua terra d’origine.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy