Pastore: stagione deludente e niente Mondiale, un’ opportunità sul mercato per le italiane?

Pastore: stagione deludente e niente Mondiale, un’ opportunità sul mercato per le italiane?

L’argentino non figura neanche nella lista dei pre-convocati da Sampaoli e potrebbe lasciare il PSG

di Antonio Servidio, @AntoServidio94

Nella lista dei 35 pre-convocati da Sampaoli per i Mondiali non c’è Javier Pastore. Il numero 27 in forza al PSG non andrà in Russia: una sentenza spietata per il Flaco. Il trequartista argentino paga una stagione opaca, molto spesso al centro di trattative di mercato mai andate in porto, come quella che lo accostava all’Inter a gennaio. E adesso il giocatore (in scadenza tra un anno coi parigini) torna prepotentemente di moda come occasione di mercato per l’Inter stessa e magari qualche outsider sempre dall’Italia. Lui, Pastore, in Serie A è pronto a tornare di corsa.

STAGIONE NO Dopo l’arrivo di Neymar e Mbappè, quello che è stato uno dei primi acquisti importanti di Al-Khelaifi è diventato un vero e proprio esubero data l’abbondanza in attacco. Sono serviti 42 milioni, nel lontano 2011 agli sceicchi per assicurarsi il talento dell’italo-argentino che proprio per via delle sue origini italiane scelse il nostro campionato a fronte delle richieste del Porto e del Chelsea.

ASSIST Eppure, ad oggi, quei Neymar e Mbappè che gli hanno impedito di essere protagonista con il PSG in questa stagione potrebbero fornirgli l’assist per partire: infatti, i parigini molto probabilmente riceveranno un provvedimento UEFA per le “spese pazze” dell’estate scorsa e dovranno cedere per fare cassa. I 4 gol messi a segno nelle 24 presenze non sono bastati per portarlo in Russia, ma di sicuro non hanno affievolito il potenziale interesse di diversi club che lo prenderebbero volentieri. Tra queste c’è sicuramente l’Inter. I nerazzurri già a gennaio avevano provato l’affondo forti della conoscenza del “Flaco” con il direttore tecnico Sabatini, ma –nonostante l’apertura a un addio del trequartista- il PSG ha alzato il muro, anche perché c’era l’interesse a monetizzare. Da gennaio è cambiato molto: Sabatini non è più il direttore tecnico dell’Inter, i nerazzurri hanno un nome in cima alla lista dei desideri (Rafinha), il PSG potrebbe abbassare il muro, anche in virtù del fatto che l’argentino ha un contratto in scadenza a giugno 2019. Se il Barcellona non facesse sconti per il brasiliano, Ausilio potrebbe bussare nuovamente alla porta degli sceicchi per riportare in Serie A il “Flaco”. Sempre che non ci siano sorprese…

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. aniellostella_578 - 5 mesi fa

    Tanto per rinforzare l’idea che in Italia ormai arrivano solo giocatori scartati dalle squadre straniere.Quando si abbandonera’ questo sistema e si dara’
    una possibilita’ ai giovani calciatori italiani ,L’Italia si risollevera’ dalla nullita’ calcistica che e’ divenuta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. brilde - 5 mesi fa

    Potrebbe essere un buon acquisto. L’Inter dovrá giocare molte partite il prossimo anno, fra Europa League (non penso alla Champions), Coppa Italia e Campionato. La squadra ha bisogno di molti ricambi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. molluraconcett_444 - 5 mesi fa

    meglio che non venga e troppo costoso e molto discontinuo

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy