Under 19: boom da 30 milioni sul mercato. Locatelli-Dimarco i big, la Premier sull’ex Juve Favilli

Under 19: boom da 30 milioni sul mercato. Locatelli-Dimarco i big, la Premier sull’ex Juve Favilli

1 Commento

Torna a fiorire l’Italia dei giovani. I talenti dell’Under 19 di Vanoli sono arrivati in fondo nell’Europeo di categoria, battuti in finale dalla Francia, che da anni è tra le regine del settore giovanile. Una rinascita, quella italiana, che fa ben sperare per il futuro della nazionale e del nostro campionato. E anche il mercato guarda ai migliori Under 19, che vedono aumentare, e molto, il proprio valore di mercato. In totale la rosa supera la valutazione di 30 milioni.

PORTA BLINDATA  Per la porta la certezza è Alex Meret. L’Udinese, oltre ad avere tra i nazionali il centrale titolare Coppolaro costato un milione  e in evoluzione positiva continua (richiesto in Francia e Spagna) ha fatto crescere il numero uno diciottenne ed che la prossima stagione si cimenterà da titolare nella Spal in Serie B in attesa del grande salto. Il suo valore è almeno sui 3-4 milioni. Lui e il milanista Donnarumma (addirittura un ’99, che ne vale già 50) si mettono sulla scia di un mostro sacro come Buffon. Senza dimenticare sempre tra i pali il granata Zaccagno, che ha scelto la Pro Vercelli per iniziare la corsa alla porta del Toro.

JUVENTUS REGINA  All’Europeo la Juventus era uno tra i club più rappresentati e anche con maggiore attenzione sul mercato dei baby. Il centrale della Primavera Romagna viene valutato già più di un milione e Grosso stravede per lui. Cassata, altro centrocampista di talento, è pronto ad andare al Brescia alla corte di Brocchi per crescere in prestito. Amarezza, invece, per bomber Favilli: Allegri è stato suo sponsor in bianconero, ma Marotta a sorpresa non ha riscattato la punta dal Livorno. Poco male, Spinelli si frega le mani per la cessione del diciottenne seguito da Chelsea e Manchester United, che può fruttare almeno un paio di milioni. Juventus che guardava anche agli altri talenti made in Italy. Nel mirino di Paratici c’è soprattutto il cagliaritano Barella, centrocampista di classe e dal futuro assicurato. I sardi lo hanno blindato per un’altra stagione, ma la Juve e il Sassuolo sono in pressing (come club spagnoli), il costo è già lievitato sui 4 milioni. Stessa attenzione che i bianconeri riservano a Picchi dell’Empoli (in concorrenza con l’Inter). Il cognome è importante (lontano parente di Armando) e il corteggiamento parte già dall’estate scorsa. I toscani vogliono lanciarlo e per ora chiudono all’addio di un giocatore duttile abile a giocare n più ruoli tra centrocampo e attacco, col vizio del gol.

GENOA FIDUCIOSO Preziosi, dopo Mandragora, punta su altri due ’97 per il futuro prossimo del club ligure. L’esterno Ghiglione è andato in prestito alla Spal per trovare spazio in Serie B e trovare minuti per crescere. Ma i fari sono accesi sulla punta Panico. Attaccante moderno, non particolarmente fisico, ma dedito a sacrificio e corsa, senza dimenticare di segnare. Il Genoa ha scommesso sul Cesena e su Drago, tecnico che ama i giovani talenti, per la sua esplosione. E il valore dopo questo europeo supera già ampiamente il milione.

DERBY SUL PIU’ CARO  Milan e Inter duellano per lo scettro del gioiellino più caro. L’esterno di proprietà nerazzurra Dimarco ha fatto bene ad Ascoli e nella prossima stagione sarà protagonista a Empoli. La sua valutazione è sui 6 milioni, non poco per un diciottenne alla prima vera chance in Serie A. Non a caso i nerazzurri hanno inserito il controriscatto nel prestito ai toscani. Il Milan si coccola invece Cutrone e Locatelli. La punta classe ’98 piace a mezza Lega Pro ma i rossoneri pensano di tenerlo per le liste e fare la spola con la Primavera. Locatelli, da molti considerato l’erede di Pirlo in rossonero, anche dopo l’esordio a San Siro della scorsa stagione non viene valutato meno di 5 milioni. Montella ci punta, il Brescia di Brocchi, che lo ha lanciato e lo conosce bene dal settore giovanile, resta in pressing. Deciderà l’Aeroplanino. Ma Galliani si tiene strettissimo il gioiello Locatelli, incedibile a prescindere dalla valutazione.

Luca Pessina – Alessandro Russo
 
1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. cate7198 - 12 mesi fa

    solo 4 sono i giocatori che possono avere un futuro : Meret , Di Marco, Vitturini e Barella, vale a dire gli unici che hanno giocato in serie B…..gli altri sono semplici primavera…..Romagna e Coppolaro sono stati infilati centralmente nei primi due gol della finale in maniera grottesca……Locatelli solo sponsorizzato ma mai determinante e Panico e Favilli non si sono mai visti ( cinque gol totali, tre punizioni e due rigori )…….il resto sono discorsi di procuratori e pressioni di societa’

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy