Skorupski ferma la sua Roma. Il muro polacco dal cuore italiano grazie alla modella Matilde e alla passione per i cani

Skorupski ferma la sua Roma. Il muro polacco dal cuore italiano grazie alla modella Matilde e alla passione per i cani

1 Commento

Lukasz Skorupski ha fermato la marcia della Roma all’inseguimento della capolista Juventus. Parate strepitose quelle del giovane portiere polacco dell’Empoli, ma di proprietà proprio dei giallorossi. Uno stop in chiave scudetto a causa del futuro guardiano della porta romanista. Dopo l’infortunio al gomito della scorsa stagione la Roma ha, infatti, deciso di lasciarlo per un altro anno in prestito ai toscani. Per completare il recupero e vivere un’altra annata da protagonista. Con l’intento di riaverlo fra dodici mesi a Trigoria per indossare i panni di titolare, visto che il connazionale Szczesny. Nelle ultime settimane il rendimento di Skorupski è stato elevatissimo: grandi parate e interventi prodigiosi che gli hanno spalancato pure le porte della nazionale polacca. Un momento d’oro anche fuori dal campo. La love-story con la modella di intimo Matilde Rossi va a gonfie vele come testimoniato dai numerosi scatti postati dalla coppia sui social. Una convivenza nella quale recitano un ruolo fondamentale i cani della coppia: prima Enea, poi Niro sino all’ultimo arrivato Dorian. Skorupski vola fra i pali e l’Empoli si aggrappa alla saracinesca polacca per risollevarsi in classifica. La salvezza da conquistare per tornare nella Capitale. Per essere protagonista: d’altronde l’ex diesse Sabatini credeva molto in Lukasz tanto da blindarlo a luglio con il rinnovo sino al 2021. Spalletti ha già imparato ad apprezzarlo e sui due punti persi oggi al Castellani ci sono le manone del numero 28…

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vivi16 - 1 anno fa

    Un vero signore… oggi a fine partita ha urlato a due steward di colore: Negri di M… perchè non facevano passare la bella modella di cui sopra. COMPLIMENTI!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy