Veretout: il nuovo regista della formazione viola

Veretout: il nuovo regista della formazione viola

Ritratto del nuovo centrocampista che ha conquistato la Fiesole ed il tecnico Pioli

Jordan Veretout è senza dubbio uno dei pilastri della formazione gigliata. Il giocatore sta conquistando il cuore dei tifosi in seguito alle illustri partenze di Vecino e Borja Valero. Pantaleo Corvino sorride assieme al tecnico Pioli dopo aver pescato in terra britannica un nuovo jolly per la Fiorentina.

LA CIFRA – L’esperienza del centrocampista transalpino all’Aston Villa era da tempo arrivata ai titoli di coda. Dopo un anno in prestito al Saint-Etienne una sua partenza era ormai scontata. Il club dei Della Valle ha messo sul piatto la modesta cifra di 7 milioni aggiudicandosi così un nuovo tassello per la mediana e sbaragliando una concorrenza forse non troppo corposa come negli anni precedenti quanto l’ormai numero 17 della viola stregava tutti in Ligue 1 con la maglia del Nantes, che gli è valsa nel suo “curriculum” anche la convocazione nella nazionale Under 20 protagonista della vittoria del Mondiale nel 2013 assieme agli ormai noti Pogba, Umtiti, Digne, Kondogbia, Thauvin e molti altri.

IL RITRATTO – Corre, imposta e segna: questi i compiti del francese, quasi ispirato dalla nuova piazza e dalla nuova casacca da lui indossata. Pioli sembrerebbe aver trovato il suo nuovo regista in grado di costruire la manovra offensiva ed in grado di spaziare su tutto il fronte offensivo. A queste capacità si aggiunge anche quella dell’abilità sui calci piazzati: Veretout è abile nel tirare i calci di punizione e non, come testimonia la rete siglata all’inizio del campionato contro il Verona. Da sottolineare anche la bravura negli inserimenti: nel gol del momentaneo 1-1 contro la Roma il francese sbuca dalla metà campo e deposita senza problemi in rete sfruttando un’amnesia della retroguardia giallorossa. Queste qualità riempiono di gioia la curva Fiesole, felice di aver trovato un degno rincalzo sulla linea di centrocampo. Gli addii delle due pedine Vecino e Borja Valero appartengono ormai al passato.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy