Atalanta-Inter, Bastoni sfida il suo futuro. Ultima gara da avversario contro i nerazzurri?

Atalanta-Inter, Bastoni sfida il suo futuro. Ultima gara da avversario contro i nerazzurri?

Il giovane difensore della Dea, ma di proprietà dell’Inter, spera di scendere in campo questa sera

di Oscar Maresca

Quasi 300 km al giorno per inseguire un sogno. Tanta è la strada che divide Casalmaggiore, paese in cui è nato e ha vissuto il giovane Bastoni, e Zingonia, sede degli allenamenti dell’Atalanta. Ma quando c’è il richiamo della passione, niente può fermarti. E quel ragazzino classe ’99 tutto carattere e fisico, oggi alto 190 centimetri, di ruolo difensore centrale può dire di avercela fatta. Anche se la strada è ancora lunga. Acquistato a soli 7 anni dal club bergamasco Bastoni ha completato tutta la trafila delle giovanili fino a conquistare la prima squadra e l’esordio in A il 22 gennaio 2017 contro la Sampdoria. Il suo talento non è passato inosservato e la scorsa estate l‘Inter ha deciso di acquistare il cartellino del giovane difensore per 10 milioni, lasciandolo però fino al 2019 in prestito all’Atalanta. Qualche mese fa il club nerazzurro ha pensato poi di anticipare il suo arrivo, ma la trattativa non si è conclusa. E stasera Bastoni sfiderà la “sua” Inter, forse restando in panchina, perché difficilmente potrà essere in campo dal primo minuto. Il giocatore spera però di poter entrare almeno a gara in corso. Intanto a bordo campo riabbraccerà Pinamonti, suo amico, e compagno di avventura con le giovanili della Nazionale.

LA NAZIONALE E IL SOGNO DA INSEGUIRE Bastoni in questa stagione ha collezionato 2 presenze fra Serie A e Coppa Italia, mentre con la Primavera è sceso in campo in 11 occasioni. Nonostante lo scarso impiego, il ct Di Biagio lo scorso febbraio l’ha convocato per lo stage a Coverciano. Grande soddisfazione per il difensore classe ’99, che in Nazionale ha ritrovato Pinamonti e ha potuto allenarsi con giovani già esplosi come Chiesa, Berardi, Inglese e altri. La gara contro l’Inter sarà speciale per Bastoni: novanta minuti da vivere al meglio e con la speranza di poter giocare uno spezzone di partita. Scendere in campo significherebbe far vedere a tutti, soprattutto al club nerazzurro, le sue caratteristiche. Non è escluso, infatti, che in estate l’Inter torni alla carica per Bastoni e spinga per portarlo alla corte di Spalletti in anticipo. Da Bergamo a Milano, nel segno dei colori nerazzurri. Per il difensore possibile cambio di casacca fra qualche mese, ma null’altro. Il carattere e il talento resterebbero intatti: tenacia e sacrificio, da sempre. Bastoni è pronto a lottare per guadagnarsi spazio. Inseguendo il sogno di affermarsi finalmente nel calcio che conta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy