Marocchino: “Juve, con Bonucci hai perso un leader. Ora servirebbe…”

Marocchino: “Juve, con Bonucci hai perso un leader. Ora servirebbe…”

Il due volte campione d’Italia con la Juventus ci parla del mercato dei bianconeri. Tra addii e volti nuovi ecco cosa serve davvero

Domenico Marocchino, ex centrocampista di Atalanta, Bologna e soprattutto Juventus, raggiunto telefonicamente da GazzaMercato parla del suo punto di vista sul mercato fatto finora da Marotta e Paratici.

Innanzitutto una considerazione sul mercato fatto finora dalla Juventus.

Alla fine del mercato mancano ancora quaranta giorni, è stato comunque un mercato buono fino a questo punto anche se i vuoti lasciati da Bonucci e Alves sono difficili da colmare. Credo che innanzitutto si farà qualcosa in mezzo.

A proposito di Bonucci: ha lasciato un vuoto importante, si è parlato di Caldara, Manolas o Gimenez, qual è il giocatore più adatto per sostituirlo?

Io penso che non sia una questione di nomi, a quei livelli servirebbe uno come Hummels. Ma il problema non è tanto la mancanza di Bonucci, perché ad aiutare la difesa ci pensa il centrocampo, dunque serve uno che sia capace di fare il libero a centrocampo, che faccia un’interdizione di un certo livello. Senza Bonucci lì dietro dovranno essere bravi a cavarsela, perché lui era un leader.

Continuiamo con la difesa, è arrivato De Sciglio. Potrà impressionare come fece nel suo primo anno al Milan?

A me impressionavano Cabrini e Maldini, lui è sicuramente un buon giocatore, è un nazionale ma per ricordare qualche giocatore del passato dovrà lavorare ancora. L’allenatore lo conosce bene, se l’ha preso è perché pensa che abbia dei margini di miglioramento.

Schick non andrà alla Juventus. Lui probabilmente era destinato ad essere il vice-Higuain, secondo lei serve un altro attaccante a questa Juve?

Mandzukic è già un vice- Higuain. E’ un attaccante esterno ma può giocare anche in avanti, la Juve là davanti ne ha tre, perché anche Dybala può ricoprire quel ruolo. Non mi pare che sia un reparto da rinforzare ulteriormente. Come ho detto prima, credo che sia il centrocampo ad aver bisogno di un giocatore importante, ma aspettiamo. Metaforicamente potremmo dire che prima di arrivare al “piatto clou” si mangiano gli antipasti, finora gli antipasti sono stati buoni, poi si spera di arrivare ad un bel secondo piatto.

Un’ultima cosa: crede che ci saranno dei problemi di convivenza tra due portieri importanti come Szczesny e Buffon?

No, non credo. Il titolare è Buffon, poi avendo comunque l’ex portiere della Roma ci sarà forse qualche gara di riposo in più ma quelle saranno scelte che dovrà fare l’allenatore. Prendere Szczesny è stata una mossa per il futuro.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy