L’Iran lo venera, la Lazio lo sogna: chi è Sardar Azmoun, il Messi iraniano

L’Iran lo venera, la Lazio lo sogna: chi è Sardar Azmoun, il Messi iraniano

Il centravanti ha esordito ieri ai Mondiali di Russia. La Lazio da tempo lo segue come vice Immobile.

di Federico Rana

L’Iran esordisce a Russia 2018 con una vittoria all’ultimo respiro sull’Egitto. Nella formazione asiatica – apparsa solida ed organizzata – osservato speciale è Sardar Azmoun. Il centravanti classe ’95 è da tempo nel mirino della Lazio, che lo vorrebbe a Roma come vice Immobile, o che potrebbe cucirgli addosso una maglia da titolare nel caso in cui il centravanti di Torre Annunziata lasciasse il club capitolino.

MESSI IRANIANO – Azmoun milita attualmente nella fila del Rubin Kazan, club in cui arrivò nel 2013 e dove ha attraversato tutta la trafila delle giovanili, prima di prendersi un posto in prima squadra. Con i russi ha esordito anche a livello internazionale: tra Champions ed Europa League può vantare 17 presenze e 6 reti. Le cose migliori, però, le ha fatte vedere con la maglia della sua Nazionale: 32 apparizioni, 23 gol. Uno score che gli è valso il soprannome di ‘Messi d’Iran’, anche se lui, per caratteristiche fisiche (1,86 metri di altezza) e aspirazioni personali, vede come modello Zlatan Ibrahimovic. Anche se una differenza tra lui e Ibra già la possiamo vedere: Azmoun questa estate è in Russia, Ibra no…

PASSATO E FUTURO – Il Mondiale, si sa, è una vetrina non indifferente per un giocatore, che potrebbe mettersi in mostra e guadagnarsi l’interesse di diversi club. Su Azmoun già da tempo c’è la Lazio, con Tare che lo monitora da mesi. Come lui stesso ha ammesso, però, il suo sogno è quello di giocare in Premier League. Per il ragazzone di Gonbad-e Kavus, che ha lasciato il suo Paese appena maggiorenne per inseguire il proprio obiettivo, il Mondiale può essere la grande occasione. L’Iran ci conta, la Lazio lo ammira.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy