Giana da primato grazie ai vecchietti terribili: Cesare Albè (in panchina) e Sasà Bruno (in zona-gol)

Giana da primato grazie ai vecchietti terribili: Cesare Albè (in panchina) e Sasà Bruno (in zona-gol)

È una Giana da primato. Nessuna squadra nel Girone A di Lega Pro ha collezionato tanti punti (22) quanto quella allenata da Cesare Albè nelle prime 10 giornate del girone di ritorno. Oggi pomeriggio al Comunale di Gorgonzola, contro una non irresistibile Lupa Roma, è arrivata la quarta vittoria consecutiva. Quinto posto in classifica in solitaria e terza piazza distante poche lunghezze, a Gorgonzola ora si può sognare in grande. Il profumo sempre più forte in città, oltre a quello del celebre formaggio cittadino, è quello dei playoff. Merito di uno straordinario lavoro svolto dal tecnico Albè (66 anni), non a caso ribattezzato dai tifosi locali “Il Ferguson della Martesana”. D’altronde oltre un ventennio sulla stessa panchina (22 stagioni) rappresentano un record, almeno alle nostre latitudini. Dalla Prima Categoria ai playoff per la promozione in B: una escalation inarrestabile quella della società del Patron Bamonte. In campo un manipolo di ragazzi pescati nelle categorie inferiori e pronti a lasciare il segno. A trascinare l’undici biancazzurro un goleador micidiale a dispetto della carta d’identità ormai ingiallita: Sasà Bruno che a quasi 38 anni sta vivendo una seconda giovinezza. Anche oggi una doppietta per il centravanti campano, balzato così a quota 13 in campionato. Albè&Bruno non vogliono smettere di stupire: chi punta alla promozione dovrà fare, inevitabilmente, i conti con la Giana dei due “vecchietti” terribili…
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy