Mastalli, da capitan futuro del Milan all’obiettivo B con la Juve Stabia: il pupillo di Inzaghi è diventato grande

Mastalli, da capitan futuro del Milan all’obiettivo B con la Juve Stabia: il pupillo di Inzaghi è diventato grande

Da capitan futuro del Milan a leader della Juve Stabia che punta alla promozione in Serie B. Una parabola particolare quella di Alessandro Mastalli, promettente centrocampista classe ’96, che l’anno scorso non ha trovato fortuna a Lugano rientrando con sei mesi d’anticipo alla base rossonera. Pupillo di Inzaghi che in Primavera gli affidò, con il placet totale dello spogliatoio, la fascia da capitano convocandolo anche in Prima Squadra una volta sbarcato a San Siro. Debutto in Serie A arrivato un anno più tardi grazie a Brocchi, altro grande estimatore del talentino emiliano. In estate, complice anche la maturazione di Locatelli, il Milan ha deciso di dirottarlo altrove. Spal, Brescia e Juve Stabia erano in pressing e Alessandro ha scelto la formazione campana. Il presidente Manniello l’ha acquistato a titolo definitivo, lasciando al Milan il 50% sulla futura rivendita. Un investimento importante: a Castellammare è stato amore a prima vista con il tecnico Gaetano Fontana, anch’egli centrocampista centrale da calciatore. Un feeling fortissimo: Mastalli ha preso per mano la mediana gialloblù, diventando l’allenatore in campo delle Vespe. Oggi il gol nel derby contro la Casertana che è valso l’1-1 finale grazie al quale le Vespe continuano a ronzare in cima alla classifica del Girone C di Lega Pro. Obiettivo Serie B e chissà che un giorno il destino non faccia incontrare di nuovo Mastalli e il suo Milan. Da avversari…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy