Siena, parla Trani il patron più giovane d’Italia: “Santini, Solini e Dossena acquisti di livello”

Siena, parla Trani il patron più giovane d’Italia: “Santini, Solini e Dossena acquisti di livello”

La compagine senese vive un buon momento di forma il cui merito va riconosciuto anche nell’ottima organizzazione societaria

di Niccolò Maria Santi, @https://twitter.com/Niccolo_Santi

Il vice presidente della Robur Siena, figlio della presidentessa Durio, è stato intercettato all’Hotel Melìa mentre metteva a punto le ultime trattative di mercato. L’affabile dirigente, poco più che ventenne, si è concesso ai nostri microfoni per descrivere l’ottimo momento di forma della squadra bianconera e per raccontarci come sia riuscito a rilanciare una società che solo pochi anni fa navigava in acque decisamente torbide.


Oggi, dopo la sofferta rinascita del 2014, la Robur Siena è seconda nel girone A della Serie C e sogna la B…

“E’ un ottimo momento e l’entusiasmo non è mai stato così alle stelle. Non dobbiamo però deconcentrarci altrimenti perderemo quanto di buono abbiamo costruito. Domenica ci aspetta una sfida importante e complessa in casa dell’Alessandria che viene da sei vittorie consecutive in campionato. Abbiamo il Livorno capolista distante sei punti mentre la Viterbese e il Pisa ci inseguono rispettivamente a tre e quattro punti. Stiamo esprimendo un buon calcio e lo si è visto anche nelle ultime tre partite, giocate in una settimana, conquistando sette punti. Sono fiero del lavoro che sta compiendo la società, a partire dallo staff e dai calciatori che sono encomiabili perché estremamente uniti, umili, capaci e decisi a raggiungere qualcosa di molto importante…”.

 

Il mercato di gennaio è stato sapientemente gestito, chi può essere il valore aggiunto nella corsa alla B?

“I nostri addetti ai lavori hanno fatto un’ottima sessione di mercato stando anche attenti a non creare esuberi. Abbiamo fatto un’analisi accurata cercando di mettere a punto alcuni reparti laddove dovevamo migliorare. Penso agli acquisti di Claudio Santini dall’Ascoli, di Matteo Solini e di Alberto Dossena che, nonostante i diciannove anni, ha saputo mettersi in luce come uno dei migliori difensori del futuro. Sono sicuro che daranno un contributo decisivo”.

 

Una rinascita figlia anche di un attaccamento alla maglia ritrovato e di un marketing vincente…

“Sicuramente, abbiamo fatto un lavoro di squadra che sta portando i suoi frutti e lo si vede in ogni sfaccettatura. L’allenatore Mignani e il suo vice Vergassola, storiche bandiere del Siena, stanno trasmettendo il loro attaccamento alla maglia bianconera oltre ai loro importanti dettami tecnico-tattici. Il Direttore dell’Area Tecnica Vaira e il D.S. Dolci hanno costruito un’ottima rosa e gestiscono il tutto con efficienza e professionalità. Inoltre, grazie anche al Responsabile Marketing Vincenzo Federico, abbiamo ricostruito completamente l’identità della Robur. Queste prezioso lavoro, unito alle numerose iniziative e sponsorizzazioni, merita un plauso perché ci permetterà di consolidare ulteriormente la società e anche di migliorare lo stadio per i nostri tifosi e gli addetti ai lavori”.

 

Il sogno nel cassetto è ritornare al più presto in Serie A?

“(Ride, ndr) Noi dobbiamo lavorare ogni giorno passo, passo con umiltà e forza di volontà. Non voglio dire nulla, spero soltanto di poter festeggiare qualcosa di importante il prima possibile insieme ai nostri splendidi tifosi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy