Da un Atalanta-Napoli a un altro: 4 anni dopo è di nuovo un momento nero per Higuaín

Da un Atalanta-Napoli a un altro: 4 anni dopo è di nuovo un momento nero per Higuaín

Da un rigore sbagliato a un altro: si è tornati a parlare dei limiti del Pipita

di Antonio Servidio, @AntoServidio94

Era il 29 ottobre 2014 e Gonzalo Higuaín giocava nel Napoli, quella serata fu difficile per il Pipita e per i partenopei, si giocò Atalanta-Napoli che finì in pareggio, un gol all’86esimo per il numero 9 del Napoli e un rigore pesantissimo sbagliato nel recupero. Benitez disse addio ai sogni di gloria, il suo Napoli non riuscì a trovare continuità, Higuaín -reduce da una tripletta al Verona- si confermò un attaccante straordinario con qualche limite dal dischetto.

LIMITI SUPERATI- I limiti del “Pipa” vennero poi cancellati a suon di gol da Maurizio Sarri l’anno dopo. Sotto la guida del tecnico toscano l’attaccante argentino ha vissuto la miglior stagione della sua carriera battendo il record di Nordahl e diventando in estate oggetto del desiderio della Juventus che lo comprò per 90 milioni, facendo diventare Higuaín il nemico pubblico numero 1 per i tifosi napoletani.

PERIODO D’ORO JUVENTINO- Un pregio dei grandi campioni è quello di trasformare i fischi in motivazione e così sotto i fischi scroscianti dei suoi ex tifosi Higuaín segna e si esalta contro la sua ex squadra ma non solo. 73 presenze e 40 gol in Serie A con la maglia della Juventus, tuttavia in bianconero non è riuscito a lasciare il segno anche in Champions League. Sotto la guida di Allegri è diventato un attaccante ancora più completo, un leader, capace di segnare contro l’Inter il gol che di fatto regalò lo scudetto lo scorso anno ai bianconeri.

CR7 E UNA NUOVA “CRISI”- Quella del 2018 è stata l’estate del trasferimento di Ronaldo alla Juventus, a quel punto il “Pipita” era diventato quasi un “problema” per la Juventus: probabilmente non avrebbe potuto giocare insieme a Cristiano, ma sicuramente non avrebbe voluto vivere una stagione da “alternativa”. Così si è presentata la possibilità Milan: un’operazione fortemente voluta da LeonardO che ha convinto il “Pipita” a trasferirsi in rossonero. Col Milan una nuova chance da trascinatore più che da semplice valore aggiunto. Dopo i 5 gol in rossonero, contro l’Udinese è arrivato un colpo che avrebbe potuto costargli il match con la Juventus. Ha fatto di tutto per esserci, ma nella gara più importante ha sbagliato un rigore e si è fatto espellere. Nel match di Europa League si è dimostrato ancora nervoso e insofferente, insomma diverso dall’Higuaín che siamo abituati a vedere.

Lunedì sarà di nuovo Atalanta-Napoli, Higuaín invece guarderà dalla tribuna Milan-Parma, 4 anni e moltissimo gol dopo si è tornati a parlare dei limiti caratteriali del “Pipita”, ma dalla prossima giornata Gattuso e i tifosi rossoneri si augurano di non vedere più i “fantasmi” del passato.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy