Milan, altro no di Bacca al West Ham. Il colombiano blocca il mercato rossonero: gli scenari

Milan, altro no di Bacca al West Ham. Il colombiano blocca il mercato rossonero: gli scenari

Commenta per primo!

Carlos Bacca non cambia idea. Il colombiano ha ribadito anche oggi al boss del West Ham, David Sullivan, di voler aspettare un club che faccia la Champions League. “El Peluca” ha ringraziato gli Hammers per l’importante offerta (quadriennale da 4,5 milioni netti a stagione), ma è rimasto fermo sulle sue posizioni. Un irrigidimento al quale ha contribuito anche l’esclusione dai convocati per la tournèe statunitense del Milan: Bacca, infatti, non avrebbe gradito di essere stato esposto a una figuraccia mediatica. Nel pomeriggio di ieri al suo sbarco in Italia aveva appunto dichiarato di essere pronto per le amichevoli americane dei rossoneri, salvo scoprire in serata di essere escluso dai convocati. Un contropiede che rende più aspri i toni della trattativa e rischia di provocare un braccio di ferro fra club e centravanti. Il no di Carlos al West Ham paralizza così il mercato in entrata del Milan, che vede andare in fumo 30 milioni di euro.

GLI SCENARI Il West Ham attenderà sino a lunedì Bacca: i dirigenti inglesi hanno programmato le visite mediche per Calleri e per un altro nuovo acquisto e confidano in un ripensamento del centravanti colombiano. L’entourage del calciatore intanto si continua a guardare intorno. Non ci sono riscontri sull’opzione legata al clamoroso ritorno a Siviglia. Il sogno del numero 70 milanista è il Paris Saint Germain allenato dal suo storico mentore Emery, ma lo status da extracomunitario impedisce un trasferimento in Ligue1 a meno che non lasci la Francia uno fra Thiago Silva, Di Maria e Lucas. Sullo sfondo ci sono le ipotesi Arsenal e Dortmund (in caso di cessione di Aubameyang), che in questi giorni hanno chiesto informazioni tramite alcuni intermediari. Soluzioni affascinanti ma non semplici da praticare. Solo un sondaggio, invece, quello arrivato dal Napoli: un pour-parler che per ora non ha prodotto conseguenze. Bacca comunque non ha fretta: ha altri tre anni di contratto con i rossoneri e aspetta la chiamata giusta. C’è tempo sino al 31 agosto. Chi ha fretta è il Milan: con Galliani che senza i denari provenienti dalla sua cessione rischia di veder sfumare gli acquisti già impostati di Musacchio (Villarreal) e Zielinski (Udinese)…

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy