Juve-Samp, sfida con il futuro per Praet. La storia del 10 atipico che piace anche a Inter e Roma

Juve-Samp, sfida con il futuro per Praet. La storia del 10 atipico che piace anche a Inter e Roma

Il belga è seguito con attenzione pure in Premier League

di Marco Garghentino, @marcogarghe

Dal bianco-malva al bianconero, passando per la città della Lanterna. Per Dennis Praet quella contro la Juventus di domenica alle 18 non sarà una partita come le altre. Il centrocampista della Sampdoria scenderà infatti in campo contro quella che poteva essere, e che forse in futuro sarà, la sua nuova squadra. Sbarcato a Genova nell’estate 2016 da semisconosciuto, il giovane belga si è dimostrato in queste prime due stagioni in Italia l’ennesimo grande colpo degli uomini di mercato blucerchiati, tanto da aver attirato su di sé l’interessamento di diversi club di A nonché di alcune squadre estere.

10 ATIPICO Cresciuto nelle giovanili dell’OH Leuven, la squadra della sua città, Praet ha trascorso la propria adolescenza al Genk, dove è rimasto fino ai suoi 16 anni. Nel 2010 la firma con l’Anderlecht, con i bianco-malva che nel settembre del 2011 lo fanno debuttare in prima squadra in un match di Coppa belga. Sulla schiena il numero 10 (alla Samp veste il 18; ndr) a indicare il suo estro da fantasista, nella testa l’incredibile intelligenza tattica che gli ha permesso di affermarsi ora in blucerchiato come uno dei migliori interni di centrocampo della Serie A. 182 partite con la maglia dell’Anderlecht indosso, 27 gol e 39 assist dopo, Praet ha lasciato il Belgio per cercare la consacrazione in Italia dove la Sampdoria ha deciso di investire 10 milioni nel suo acquisto. Due anni sotto la sapiente guida di Marco Giampaolo gli hanno permesso di arretrare la propria posizione di una ventina di metri, lasciando le trequarti per ricoprire il ruolo di centrocampista centrale spesso al fianco di un altro giovane talento come Torreira.

COMPLETO Agilità, piedi educati, buona visione di gioco e grande senso della posizione. Doti preziose per un classe ’94 che a gennaio sembrava vicino alla Juventus ma che ora pare interessare anche a Inter e Roma. “So che ci sono stati contatti con la società bianconera. È un segnale che sto facendo bene”. Con queste parole Praet aveva commentato l’interessamento della Vecchia Signora nei suoi confronti, un approccio che poi si è risolto in un nulla di fatto ma che nelle prossime sessioni di calciomercato potrebbe tornare a ravvivarsi. In Premier League a seguirlo sono soprattutto Everton e Newcastle, con l’Arsenal che provò invece a portarlo a Londra quando aveva solo 14 anni, salvo però ricevere un netto rifiuto dal giocatore il quale preferì crescere in Belgio. Il prezzo? Con un contratto in scadenza nel 2021, Praet è protetto da una clausola di 26 milioni di euro in scadenza però il prossimo 30 giugno, con Ferrero che dopo quella data potrà chiedere dunque molto di più per la sua cessione. Consapevolezza nei propri mezzi e grande voglia di sfondare, contro la Juventus Praet è pronto a lasciare il segno all’Allianz Stadium davanti a quel pubblico “rivale” che un domani potrebbe invece ritrovarsi a fare il tifo proprio per lui.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy