Samp, Kownacki ancora in gol: il “nuovo Schick” punta ad essere la rivelazione del campionato

Samp, Kownacki ancora in gol: il “nuovo Schick” punta ad essere la rivelazione del campionato

Il talento della Sampdoria ha segnato una doppietta con la Polonia Under 21 ed è pronto a spiccare il volo in Serie A

Un anno fa, per poco più di 3 milioni la Sampdoria acquistò Patrick Schick, di come sia finita la sua storia con i blucerchiati lo sanno tutti, ma la cosa più interessante è che anche quest’anno il presidente Ferrero ha speso poco più di 3 milioni per un giovane attaccante: Dawid Kownacki.

UN TALENTO PRECOCE- Vent’anni, tre tatuaggi e 28 gol in 118 presenze in Polonia con il Lech Poznan. Quando sente paragoni però mostra già la tipica insofferenza di chi se n’è sentiti accostare di tutti i tipi: da Lewandowski a Schick, in tanti si sono prodigati alla ricerca di un paragone per lui, che preferisce essere “solo Dawid” come dice lui. Difficile rimanere immune al gioco dei paragoni quando impressioni tutti, compreso l’esperto Nenad Bjelica che ne esalta la “precocità”. Dawid a soli vent’anni ha già superato la soglia delle cento presenze in Polonia ed ha calcato già i campi di Europa League e Champions League. Ha fatto tutta la trafila delle Nazionali, dal 2011 quando esordì con la Polonia Under 15 ha segnato 22 gol tra le varie nazionali “minori”, quattro dei quali nelle ultime due partite con l’under 21 polacca che hanno acceso ancora una volta i riflettori su di lui.

IL TATUAGGIO DEDICATO ALLA MADRE- La donna più importante della sua vita è mamma Aneta, che sente molto spesso, con la quale si è consultato anche prima di scegliere la Samp. Ulteriore dimostrazione ne è il tatuaggio del suo volto sul petto, a sinistra, proprio sopra il cuore.

LA SERIE A LO ASPETTA- Giampaolo lo sta dosando, gli ha concesso qualche minuto contro l’Udinese, lui aspetta il suo momento, anche perché, nella sua prima apparizione, contro il Perugia in Coppa Italia ha già lasciato il segno sul tabellino marcatori. Ora gli manca la Serie A e la consacrazione definitiva per togliersi di dosso tutti i paragoni pesanti ed essere chiamato “solo Dawid”.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy