Kessie e Nagy guidano i volti nuovi della Serie A. Floppano Banega e gli altri argentini

Kessie e Nagy guidano i volti nuovi della Serie A. Floppano Banega e gli altri argentini

La prima giornata di A va in archivio ed è l’occasione del battesimo di fuoco del nostro campionato per i nuovi volti, arrivati dal mercato o all’esordio assoluto nella massima Serie. Al ballo dei debuttanti, per così dire, i protagonisti sono quelli che non ti aspetti. I voti della Gazzetta dello Sport incoronano con un 7 la prestazione di due giovanissimi centrocampisti come Kessie, autore di una doppietta con l’Atalanta (che da poco lo ha blindato, non a caso, fino al 2021 respingendo gli assalti di Napoli e Juve) e Nagy, il sostituto che non fa rimpiangere il capriccioso Diawara, in direzione Napoli, costato solo 1,5 milioni.
PROMOSSI  Sempre i rossoblù si sono goduti la spinta dell’ex Sparta Praga Krejci, che ha meritato un 6,5 al pari di Lombardi, anche lui esterno, in gol alla prima da titolare grazie al caso Keita, di cui i tifosi della Lazio ieri non hanno sentito la mancanza (e pronto a fare le valigie in direzione Monaco). Stessa votazione per Milik, subito pericoloso alla prima ufficiale con la maglia del Napoli, e Sensi, il “nuovo Verratti” che fa già sognare Sassuolo. E Squinzi gongola per l’ennesimo talento made in Italy. Sufficiente la prestazione di nomi più altisonanti come lo juventino Dani Alves o Bruno Alves del Cagliari, fresco campione d’Europa (6 anche al palermitano Aleesami e al giovane Linetty della Samp).
RIMANDATI  Pesa sul giudizio l’andamento generale della squadra, ma la prima non ha regalato i numeri che ci si aspettavano per diversi argentini. A Roma Rodrigo De Paul (5,5) è affondato con tutta l’Udinese (stesso discorso per l’altro gioiellino friulano Penaranda). Lucas Ocampos (5) a Genova e Boye (5,5) a San Siro col suo Toro hanno deluso le aspettative. Per i numeri serve aspettare, per ora è arrivato solo qualche lampo sporadico. L’albiceleste affondato con più clamore è, però, Ever Banega, spaesato come tutta l’Inter alla prima di De Boer a Verona. Non si salvano nemmeno Tello (Empoli, 5,5), Schick (Sampdoria, 5,5), Rohden (Crotone 5,5) e Rajkovic (Palermo, 5). E’ la dura legge della Serie A, ma ci sarà tempo per adattarsi.
0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy