Frosinone, alla scoperta di Ciano: lo scugnizzo col sinistro magico della scuderia Raiola

Frosinone, alla scoperta di Ciano: lo scugnizzo col sinistro magico della scuderia Raiola

L’attaccante casertano, rappresentato dal gruppo Raiola, ieri ha realizzato un eurogol dei suoi contro il Palermo

di Oscar Maresca

Gli allenamenti a calciare le punizioni, insieme al fratello Michele, in quel di Marcianise sembrano essergli serviti eccome. Perché il sinistro fatato Camillo Ciano l’ha forgiato proprio lì, sui campetti di periferia del comune della provincia di Caserta. Scugnizzo vero. Col passare degli anni, poi, di gol splendidi col mancino fatato l’attaccante di proprietà del Frosinone ne ha segnati tanti. L’ultimo, quello realizzato ieri nella finale d’andata dei playoff di B contro il Palermo, è l’ennesima perla da incastonare in una stagione a tratti perfetta. Peccato però che il favoloso gol firmato dal giocatore al Barbera, di sinistro, da 30 metri, non sia stato decisivo. Il Frosinone ha infatti perso negli ultimi minuti, dopo il pareggio al 45′ di La Gumina, l’importante sfida coi rosanero a causa di un’autorete sfortunata di Terranova. La gara si è conclusa 2-1 per la squadra di Stellone. Appuntamento dunque sabato sera al Benito Stirpe di Frosinone per l’ultimo atto della stagione cadetta, che decreterà il terzo club che avrà accesso alla massima serie. Ciano è pronto a ripetersi davanti al suo pubblico. Stavolta con l’obiettivo di essere davvero decisivo.

GAVETTA E GOL DA FAVOLA Ciano la Serie A l’ha solo sfiorata col Napoli dopo aver completato tutta la trafila delle giovanili. Nella Primavera azzurra l’attaccante casertano ha fatto coppia fissa con Insigne. Quanti gol quei due. Premesse di un futuro a tinte azzurre. E se il compagno di Frattamaggiore pian piano è riuscito ad affermarsi col Napoli, il sogno di Ciano di calcare il terreno di gioco del San Paolo non si è mai avverato. Rimpianto? Solo a metà. Perchè con la Serie A col Frosinone così vicina giocare nell’arena di Fuorigrotta, da avversario, è ora un obiettivo possibile. Motivazione in più per Ciano che, quando era di proprietà del club campano, ha girato tanto in prestito fra Lecco, Cavese, Crotone, Padova e Avellino. L’attaccante casertano ha collezionato 32 reti in cinque anni a zonzo fra C e B, abituando però i suoi tifosi a magici gol col suo sinistro. Nel 2014, poi, il Parma lo ha acquistato dal Napoli e girato in prestito biennale al Crotone. La svolta nella carriera di Ciano è tutta in Calabria, quando l’attaccante ha incontrato Massimo Drago. L’allenatore ha svezzato il casertano dandogli massima fiducia e Ciano l’ha ripagato con 17 reti nella stagione 2014-2015. A 24 anni il giocatore è rinato, Drago lo ha coccolato e la stagione seguente lo ha voluto a Cesena: 67 presenze e 26 reti in due anni in bianconero. Dall’estate 2017 l’approdo al Frosinone e per Ciano, diventato un habitué di B, ad oggi sono 47 presenze stagionali, 15 gol e 17 assist. Attaccante di classe e pure assist-man. Numeri impressionanti, che potrebbero finalmente permettere all’attaccante casertano (assistito da Mino e Vincenzo Raiola) il salto di qualità in massima serie. Ma prima c’è la finale di ritorno col Palermo da giocare in Ciociaria. Ciano già scalda il sinistro magico. La A chiama.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy