Niang e Karamoh, arrivederci Serie A: da promesse del Caen al ritorno in Ligue 1

Niang e Karamoh, arrivederci Serie A: da promesse del Caen al ritorno in Ligue 1

Il senegalese ex Milan ha chiesto di ritornare in Francia. Per il gioiellino dell’Inter, invece, scelta sofferta

di Oscar Maresca

Partiti entrambi dal Caen, dopo l’esperienza in Serie A potrebbero ritrovarsi l’uno contro l’altro. Ma stavolta in Ligue 1. Sono M’Baye Niang e Yannick Karamoh: il primo ha salutato il Torino per approdare al Rennes (affare ai dettagli), mentre il secondo è vicino al passaggio dall‘Inter al Saint-Étienne. Destini comuni, ma storie diverse. Entrambi promesse del Caen: prima Niang, classe ’94, che ha trovato la Serie A a soli 18 anni trasferendosi al Milan. Poi Karamoh, gioiellino nerazzurro classe ’98, approdato in Italia la scorsa estate che ha impressionato tutti a stagione in corso per talento e giocate. Ora il giovane francese cerca spazio, che alla corte di Spalletti non avrebbe trovato per via della tanta concorrenza in attacco.

SCELTA DI CUORE – Niang è pronto a vivere una nuova annata in Ligue 1, il campionato che l’ha lanciato nel grande calcio. Ritorno a casa per il senegalese (quasi) ex Toro. L’attaccante classe ’94 non è mai riuscito a sfondare in Italia: le sue buoni prestazioni si sono spesso alternate a “colpi di testa” fuori dal campo. Guida senza patente, incidenti con macchine di lusso: la vita mondana ha distratto Niang dal terreno di gioco in più di un’occasione. Arrivato in A nel 2012, è partito dai colori rossoneri prima di vestire in prestito le maglie di Montpellier, Genoa, Watford e infine Torino. L’acquisto dell’attaccante senegalese (13 milioni fra prestito e riscatto dal Milan) è stato l’affare più costoso della gestione Cairo. Un addio amaro, lo voleva anche il Leganes, ma ha prevalso la volontà del giocatore. La famiglia, e la figlioletta nata lo scorso aprile, vivono a Marsiglia e ora Niang avrà l’opportunità di stare più vicino ai suoi affetti.

IN CERCA DI SPAZIO – Karamoh è stato cercatissimo in questa estate di calciomercato da club di A e non solo. Il Parma era interessatopoi per il rifiuto del giocatore non se n’è fatto nulla. Ora l’occasione Saint-Étienne in prestito, per giocarsi le chance da titolare in patria e tornare all’Inter più forte di prima. Al gong finale del mercato in Francia manca ancora un giorno, il giocatore deve tirare al più presto le sue conclusioni e decidere il suo futuro. La Ligue 1 lo attende, Spalletti lo monitorerà. L’Italia, e la Serie A, l’hanno stregato. La promessa è di rivedere Karamoh nel nostro campionato, magari insieme a un rivitalizzato Niang.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy