Bilancio del mercato – Atalanta, Ilicic e De Roon gli acquisti illustri. Cornelius il nuovo bomber da lanciare

Bilancio del mercato – Atalanta, Ilicic e De Roon gli acquisti illustri. Cornelius il nuovo bomber da lanciare

Tra vecchi ritorni e cessioni illustri ecco tutti i movimenti di mercato dei bergamaschi.

di Marco Garghentino, @marcogarghe

Dopo aver stupito tutti lo scorso anno con un campionato da assoluta protagonista, l’Atalanta si prepara a vivere un’annata complicata ma molto affascinante. Gli obiettivi stagionali sono quelli di riconfermarsi come una delle migliori realtà della Serie A e di onorare la partecipazione all’Europa League, motivo per cui i bergamaschi hanno deciso di investire 51,5 milioni sul mercato per rinforzare una rosa già competitiva. Le cessioni hanno portato a un incasso complessivo di 60,5 milioni, cifra importante che ha permesso alla Dea di chiudere il mercato con un saldo positivo di 9 milioni, guadagnandosi un 6 in pagella nei voti della Gazzetta dello Sport.

ACQUISTI Oltre alla riconferma di Spinazzola, che può essere considerato a tutti gli effetti un acquisto vista l’insistenza con la quale la Juventus ha provato a portarlo a Torino con un anno di anticipo, uno dei grandi colpi estivi in casa Atalanta è senza dubbio l’acquisto di Ilicic dalla Fiorentina (5,5 milioni di euro). In attacco il ruolo di vice Petagna sarà affidato all’ex Copenaghen Cornelius (6 mln) mentre da leggere in prospettiva sono gli arrivi di Vido dal Cittadella (1,5 mln) e di Orsolini in prestito dalla Juve (1 mln), oltre al ritorno di Monachello dal prestito alla Ternana. In difesa gli acquisti di Castagne dal Genk (6 mln), Palomino dal Ludogorets (4,5 mln), Gosens dall’Heracles (1 mln), Eguelfi dall’Inter (3 mln), Mancini dal Perugia (0,5 mln) e Guth dal Coritiba (0,5 mln) hanno permesso all’Atalanta di allungare invece un reparto che pareva corto. Il grande ritorno è stato quello di Marten De Roon dal Middlesbrough (14 mln), con un centrocampo completato poi dagli arrivi di Schmidt dal San Paolo (1 mln) e Haas dal Lucerna (1 mln).

CESSIONI Sull’asse Bergamo-Milano sono arrivate senza dubbio le cessioni illustri del mercato atalantino, con Kessie (26 mln) e Conti (23 mln) passati al Milan di Montella. Paloschi è stato ceduto in prestito alla Spal (1,5 mln), dove ritroverà anche l’ex compagno Grassi, anche lui girato dal Napoli in prestito al club ferrarese dopo l’annata a Bergamo. Zukanovic, Djimsiti e Mounier sono tornati rispettivamente al Genoa, al Benevento e al Bologna (fine prestiti) mentre Pesic è stato ceduto alla Stella Rossa a zero. Tre gli svincolati, a partire dai senatori Migliaccio e Raimondi, seguiti poi da Konko. Cabezas e D’Alessandro sono stati invece ceduti in prestito al Panathinaikos e al Benevento.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy