L’Atalanta vola col gioiellino Barrow. Il baby fenomeno con lo scatto di Aubameyang che fa gola alle big

L’Atalanta vola col gioiellino Barrow. Il baby fenomeno con lo scatto di Aubameyang che fa gola alle big

Gioia Barrow: il gambiano, con uno scatto alla Aubameyang, fa sorridere la Dea siglando un gol prezioso in chiave Europa

di Giovanni Benvenuto, @giovibenvenuto

Rieccolo. Barrow non è più una sorpresa: il gambiano lancia l’Atalanta nella corsa all’Europa in questo finale di stagione grazie anche all’ultimo gol contro il Genoa. Gasperini si coccola il suo baby-bomber, felice di aver trovato nella sua rosa un’altra arma su cui puntare nelle sfide successive. Una sorpresa quella di Barrow, arrivato da poco più di un anno a Bergamo e pronto a diventare pezzo pregiato del mercato. Sulle orme di Aubameyang…

LA SUA STORIA – Trasferitosi a Bergamo nel 2016, Musa viene inizialmente schierato solo in poche amichevoli. Le sue qualità non passano inosservate però al tecnico Brambilla che decide di puntare su di lui in Primavera dandogli un ruolo centrale nel reparto offensivo. Questa stagione per lui si è rivelata un successo: l’esperienza con la cantera dei nerazzurri è condita da 23 gol in 18 partite giocate. Score pazzesco.

GASP  – L’Atalanta lo osserva, convocandolo in prima squadra. Non tanto robusto e con un fisico asciutto si scopre come un jolly in attacco diverso dai profili di Petagna e Cornelius, quasi indispensabile per l’undici iniziale adesso viste le sue caratteristiche atletiche e la sua vena realizzativa. L’ultima perla messa a segno contro il Genoa con uno scatto bruciante sul marcatore richiama le grandi doti di un mostro sacro come Aubameyang, star del calcio africano esploso curiosamente da un altro vivaio lombardo come quello del Milan. Musa ha scalato le gerarchie e adesso il club di Percassi se lo tiene stretto, pronto a punare su di lui anche in vista della prossima stagione. Mercato e cifre folli permettendo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy