Michele Colucci (Fiscalista AIACS): “Poche presidenze = pochi interlocutori? Noi vorremmo esserne uno…”

Michele Colucci (Fiscalista AIACS): “Poche presidenze = pochi interlocutori? Noi vorremmo esserne uno…”

di GazzaMercato

A margine dell’Assemblea Nazionale Associazione Agenti tenutasi a Milano, intercettato da GazzaMercato, Michele Colucci, fiscalista dell’AIACS, si è soffermato sui rapporti tra società e procuratori all’interno delle logiche retributive.

Cosa ne pensa delle problematiche relative alla fiscalità e al pagamento delle commissioni nei confronti degli agenti?

“E’ un tema che ormai è dibattuto da diversi anni e non ha mai trovato una sua soluzione definitiva e sul quale bisogna lavorare. L’Associazione, nella mia persona per quanto riguarda aspetti tributari, è molto presente e fortemente convinta di fare passi in avanti concreti che potrebbero agevolare il lavoro dei procuratori”.

C’è fiducia che si possa sbloccare nel breve? Tante presidenze sono in stand-by, molte volte non c’è un interlocutore diretto con cui rapportarsi…

“Un interlocutore diretto vorrebbe essere l’Associazione stessa. Sicuramente qualcosa si sta muovendo. Leggevo di una proposta di legge che dovrebbe intervenire sulla questione in maniera decisa. Stiamo a vedere seguiamo sviluppi di quest’ultima e sicuramente cercheremo di dare anche noi come AIACS un contributo affinchè questa proposta di legge vada in porto nella maniera più equilibrata e corretta per tute le parti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy