Pjaca allo Schalke, ma è solo un arrivederci alla Juve che un’estate fa lo strappò al Milan

Pjaca allo Schalke, ma è solo un arrivederci alla Juve che un’estate fa lo strappò al Milan

Il talento croato recupererà completamente dal suo infortunio in Germania per poi tornare a giugno alla Juve.

di Antonio Servidio, @AntoServidio94

Marko Pjaca va  di corsa. Dopo il recupero dall’infortunio al legamento crociato è pronto ad iniziare una nuova- e breve- avventura in Germania con lo Schalke. L’attaccante croato non ha trovato spazio con i bianconeri al suo ritorno in campo e così partirà alla volta della Germania. L’accordo tra lo Schalke e la dirigenza bianconera è stato trovato nella giornata di ieri: prestito oneroso (la Juve incasserà 1 milione) per sei mesi senza diritto di riscatto.

GLI ESORDI- Marko, come tutti lo chiamano nella sua città natale vicino Zagabria, è cresciuto in una famiglia borghese. A scuola tutti lo ricordano come un ragazzo studioso e con pochi “grilli per la testa”. Passava molto tempo in strada a giocare a calcio ed è stato qui che ha maturato la sua passione e coltivato il talento.

IL DUELLO DI MERCATO- Nella scorsa sessione estiva di mercato, l’ultima di Berlusconi alla guida del club, Galliani aveva provato a portarlo al Milan. Una foto in un ristorante croato ad alimentare le speranze dei tifosi rossoneri congelate poi dagli sforzi della Juve che con 23 milioni alla Dinamo lo ha strappato alla concorrenza e lo ha portato a Torino. L’esterno dalle dichiarazioni fa trapelare un amore per i colori bianconeri: “sono venuto qui per vincere la Champions”, ha detto.

IL PERCORSO IN BIANCONERO- Allegri è un allenatore noto per la gestione oculata del gruppo e così non ha lanciato subito il giovane talento da titolare ma gli ha concesso spezzoni e -in generale- poche opportunità. Il croato ha trovato soltanto un gol in bianconero contro il Porto, perdipiù in Champions League, a febbraio dopodichè non ha più segnato anche perchè il 29 marzo, in amichevole con la sua Croazia, Pjaca si infortuna e la diagnosi è quella più brutta per uno sportivo: rottura del legamento crociato e stagione finita. Marko non è un tipo facile da abbattere e così ad ottobre ritorna. Nella Juve dei vari Bernardeschi, Cuadrado e Mandzukic non c’è più posto per lui, così trova spazio in Primavera con cui realizza due gol, di cui uno proprio al Milan di Gattuso.

Oggi Pjaca si prepara ad affrontare il viaggio che può segnare lo spartiacque della sua carriera. Convincere in Germania per convincere Allegri a puntare su di lui nella prossima stagione. Di sicuro uno con così tanta voglia di Juve non si farà sfuggire l’opportunità.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy