Europa League, la Lazio pesca la Dinamo Kiev: squadra compatta e con ottime individualità

Europa League, la Lazio pesca la Dinamo Kiev: squadra compatta e con ottime individualità

Sorteggio tutt’altro che negativo per i biancocelesti. Ma occhio ai pericoli della squadra ucraina

di Oscar Maresca

La Lazio pesca dall’urna di Nyon la Dinamo Kiev. Il club ucraino di Chackevič sarà il prossimo avversario dei biancocelesti agli ottavi di finale di Europa League. Un sorteggio tutto sommato ‘fortunato’ per la squadra di Inzaghi, rispetto ai colleghi del Milan che fronteggeranno l’Arsenal. Gli ucraini retrocessi dalla Champions League, si sono classificati al primo posto nell’abbordabile gruppo B con Partizan, Young Boys e Skënderbeu. Tredici punti conquistati per la Dinamo Kiev con all’attivo nel girone quattro vittorie, un pareggio e una sconfitta. Pari per 2-2 contro lo Young Boys in casa e tre punti persi fuori casa contro la cenerentola del pool Skënderbeu. Ai sedicesimi di finale ha poi trovato l’AEK Atene. Doppio pareggio: prima in Grecia per 1-1 e poi in Ucraina per 0-0. Il gol realizzato fuori casa ha però permesso alla Dinamo di passare il turno.

I RISULTATI IN CAMPIONATO La squadra di Chackevič in patria lotta per la conquista del titolo con lo Shakhtar Donetsk. Gli uomini di Fonseca sono attualmente primi a quota 45 punti, mentre la Dinamo Kiev insegue con 42 punti e una gara in meno. Il campionato è ricominciato la scorsa settimana dopo i soliti tre mesi di stop a causa del freddo gelido ucraino. Solo cinque sconfitte per la Dinamo Kiev in stagione: in Supercoppa Ucraina contro lo Shakhtar a luglio, nella sfida di ritorno del terzo turno preliminare di Champions contro lo Young Boys, contro Mariupol e Chornomorets in campionato, e infine contro lo Skënderbeu in EL.

FORMAZIONE TIPO La Dinamo Kiev è solita giocare con il 4-3-3. L’undici tipo è formato da: Boyko in porta, Kedziora a destra, Khacheridi e Kadar coppia centrale di difesa, Morozyuk terzino sinistro. A dettare le geometrie a centrocampo c’è Shepeliev, mentre completano il reparto Garmash a destra e Buyalskyy a sinistra. In attacco prima punta Moraes, coadiuvato da Tsyhankov a destra e Gonzalez a sinistra. Il miglior marcatore in campionato è Mbokani, attualmente infortunato. Junior Moraes ne ha raccolto l’eredità collezionando dieci reti fra Prem’er-Liha ed Europa League.

I PERICOLI PER LA LAZIO La Dinamo Kiev è una squadra compatta e con buone individualità. Vanta la miglior difesa del campionato con soli 12 reti subite in 19 partite giocate. La Lazio dovrà sfruttare tutte le sue potenzialità per mettere in difficoltà gli avversari. Prima sfida all’Olimpico il 5 marzo, ritorno a Kiev il 15 marzo. I biancocelesti sperano di non dover giocare su un campo innevato. Le temperature gelide della capitale ucraina, invece, sarà quasi impossibile evitarle. L’obiettivo della Lazio è acquisire un buon vantaggio nella gara d’andata, non permettendo alla Dinamo Kiev di segnare, e gestire poi il risultato nella sfida di ritorno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy