Samp, idea Destro: nelle ultime ore di mercato possibile l’affondo, ma lui vuole convincere Inzaghi

Samp, idea Destro: nelle ultime ore di mercato possibile l’affondo, ma lui vuole convincere Inzaghi

Sull’attaccante c’è la Sampdoria, lui potrebbe restare per riprendersi il Bologna

di Antonio Servidio, @AntoServidio94

Spesso il calcio è questione di numeri. Non fa eccezione Mattia Destro che, qualche settimana fa aveva annunciato il suo cambio di numero di maglia, da 10, tornava alla “sua” 22 a Bologna. Una maglietta pesante che forse ha “schiacciato” l’attaccante che era arrivato come simbolo del nuovo Bologna, una rinascita affidata a un ragazzo che ha sempre dimostrato le sue doti ma a cui è mancato l’ultimo step per diventare grande. Il cambio numero in realtà potrebbe aver fatto da anticamera alla sua cessione, che potrebbe avvenire nelle ultime ore di calciomercato alla Samp.

IL PASSATO GENOANO Dopo l’esplosione al Siena Destro ricevette le attenzioni di tutte le big. L’Inter in particolare credeva di aver avuto per le mani un campione e di esserselo lasciata sfuggire, infatti, l’attaccante è cresciuto nelle giovanili nerazzurre prima di passare al Siena nell’anno della sua consacrazione. In realtà, dopo l’anno senese e i 13 gol, Destro passò al Genoa. Un salto nel calcio dei grandi che fu solo rimandato dato che l’anno successivo lo prese la Roma per oltre 20 milioni. A Roma le prime difficoltà e una serie di prestiti successivi di ritorno al Genoa per cercare di ritrovare il bomber che è in lui.

DESTRO-SUPERPIPPO: UN AMORE CONTROVERSO Il rapporto tra Mattia Destro e Pippo Inzaghi ha del clamoroso. Quando SuperPippo allenava il Milan chiese espressamente Destro e Cerci per rinforzare il suo reparto offensivo, all’epoca rimasto orfano di Torres. Una scena ormai diventata famosa è quella di Galliani sotto casa dell’attaccante per convincerlo a passare in rossonero. Il trasferimento avvenne, Destro scelse la maglia numero 9 (anche qui, un numero pesante) per rivivere le gioie del periodo senese sotto la guida di uno dei migliori attaccanti di sempre. In realtà le cose non andarono benissimo, Inzaghi gli preferì Menez da “falso nueve” e Destro tornò alla Roma. E’ accaduto qualcosa di simile anche quest’anno. Inzaghi appena diventato allenatore del Bologna si è mostrato molto comprensivo con Destro e disposto a puntare su di lui. In realtà il precampionato ha evidenziato delle problematiche e il tecnico gli preferisce Palacio.

Destro è a un bivio, accettare la tentazione Samp o provare a convincere Inzaghi e riprendersi la piazza bolognese, un dubbio che solo le ultime ore di mercato scioglieranno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy