Tripletta all’esordio col Sassuolo, bentornato Boateng. Fra l’amore per l’Italia e la “sfida” con CR7… a colpi di social

Tripletta all’esordio col Sassuolo, bentornato Boateng. Fra l’amore per l’Italia e la “sfida” con CR7… a colpi di social

La Juve ha CR7, il Sassuolo ha Boateng: tre gol alla prima uscita stagionale in neroverde per l’ex Milan. E Ronaldo è avvisato

di Oscar Maresca

L’amore, alla fine, prevale sempre su tutto. Nella vita come nel calcio. E allora, scelta di cuore. Kevin Prince Boateng ha sposato il progetto Sassuolo per ritrovare la Serie A e l’Italia, così da poter stare vicino anche alla famiglia (la moglie Melissa Satta e il piccolo Maddox Prince). “Il campionato italiano sta tornando grande: ora ci siamo io e CR7“, parola di Boateng durante la presentazione in neroverde lo scorso 6 luglio. Pretenzioso? Ma no, la verve del Boa è unica. Ieri per il giocatore primo assaggio di partita col Sassuolo: tripletta all’esordio nell’amichevole in ritiro contro il Wipptal. “Ronaldo avvisato!”. Boateng ha infatti voluto rivolgersi tramite social all’ex Real Madrid , postando la stessa grafica creata per l’arrivo in Italia della stella portoghese e sostituendo il suo nome a quello di Cristiano. Tanta simpatica irriverenza, per una “sfida” fra CR7 e Boa a colpi di social prima che di campo.

L’ITALIA NEL CUORE Dicevamo dell’Italia e dell’amore di Boateng per il nostro paese. Non solo l’ex moglie Jenny è tedesca di padre foggiano, ma approdato al Milan (esperienza da ricordare per Boateng) il giocatore ha conosciuto la sua attuale moglie. Insomma, l’Italia ha davvero conquistato Prince. E segnato pure la sua carriera, perché a consigliarlo al Milan fu proprio un italiano: Nello Di Martino, team manager dell’Herta. Dopo l’ottima esperienza a Berlino, infatti, Boateng ha vissuto un periodo buio fra Tottenham e Borussia Dortmund. Con l’approdo al Portsmouth, nel 2009, le cose sono cambiate e l’occasione in rossonero l’anno successivo è stato il grande salto per Prince. Uno scudetto vinto, una Supercoppa Italiana conquistata e gli splendidi gol in Champions: tre stagioni da protagonista in A per Boateng. Poi fra un Moonwalk e l’altro è tornato in Germania allo Schalke. Ma dopo due anni il richiamo del Milan si è fatto di nuovo sentire, anche se per poco. Sei mesi in rossonero nel 2016, con un solo gol realizzato e 11 presenze. E allora ancora arrivederci all’Italia, per approdare prima al Las Palmas e successivamente all’Eintracht Francoforte. Col Sassuolo Boateng ritroverà la Serie A. La sua cara Italia, invece, Prince l’ha già riabbracciata da qualche settimana. Ora il ghanese attende l’inizio del campionato, per fare bene e “sfidare” CR7.  Reggerà il dualismo? Vedremo. Intanto, a colpi di simpatia, Boateng il suo personalissimo confronto con Ronaldo l’ha già vinto.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy